PIER

Solo teak, per questo tavolo, tanto semplice quanto affascinante. Le doghe in legno si susseguono come i tasti di un pianoforte, leggermente distanziate tra loro, in un’ipotetica e possibile tavolata interminabile. Poi, improvvisamente, le stesse doghe virano in picchiata verticale e diventano gambe.